Indici di allerta Crisi d’impresa

L’Ordine Nazionale dei Dottori Commercialisti ha elaborato gli indici di allerta per individuare eventuali segnali della crisi d’impresa, in tal modo le aziende avranno uno strumento in più per prevenire e gestire le difficoltà di carattere economico e finanziario. La nuova normativa sulla crisi d’impresa ha introdotto, infatti, una procedura di allerta basata su un processo di valutazione continua della solidità delle aziende.

La crisi d’impresa trova una nuova disciplina nel Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (D.Lgs. n. 14/2019) la cui applicazione sarà completa nel corso del 2020. Tuttavia, la necessità di monitorare costantemente la solvibilità delle aziende, nonché l’accrescimento del numero di imprese soggette alla revisione legale dei conti, impon...

Leggi tutto...

Controllo aziendale e Crisi d’impresa

La riforma della crisi d’impresa, introdotta con il Dlgs 14/2019, si fonda su principi modellati sugli stili di governance aziendale anglosassoni.

Dal 16 marzo 2019 è in vigore l’articolo 2476, comma 6, del Codice civile, che rende responsabili gli amministratori delle obbligazioni sociali quando essi non abbiano rispettato gli obblighi inerenti la conservazione del patrimonio aziendale, ovvero quando non abbiano dotato l’azienda di un adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile, così da permettere un immediato intercettamento degli indizi di crisi e la conservazione della continuità aziendale, come prescritto dal nuovo comma 2 dell’articolo 2086. La compromissione del going concern, ossia della capacità dell’azienda di continuare la sua attività in condizion...

Leggi tutto...

Cambiano le regole per il calcolo degli Acconti

L’art. 58 del decreto fiscale 2020 (D.L. n. 124/2019) collegato alla legge di Bilancio ha modificato le regole per la determinazione degli acconti relativi all’IRPEF, all’IRES e all’IRAP. La novità non riguarda solo la rideterminazione, peraltro facoltativa, della rata in scadenza entro il 30 novembre (termine differito al 2 dicembre), ma anche la disciplina a regime. A partire dalla scadenza del 2 dicembre 2019, gli acconti relativi alle predette imposte dovranno essere versati in due rate, non più del 40% e del 60%, ma pari al 50% ciascuna dell’imposta complessivamente dovuta...

Leggi tutto...

Il Fisco monitora le operazioni on-line

Dalla lettura di due recenti pronunce della Corte di Cassazione, emerge che, in tema di accertamento induttivo, l’Ufficio finanziario può rettificare la dichiarazione dei redditi e contestare un’evasione fiscale servendosi dell’elenco delle attività di vendita e acquisto di prodotti tramite il canale informatico e-Bay, spettando, in tal caso, al contribuente dimostrare che il reddito non è stato prodotto o è stato prodotto in misura inferiore a quella determinata in via presuntiva.

Leggi tutto...

Welfare e Legge di Bilancio 2020

Prosegue l’impegno del Governo per il rafforzamento delle tutele in favore della genitorialità. La legge di Bilancio 2020, nella sezione che riguarda le disposizioni a favore della famiglia, prevede, infatti, l’incremento di due giorni del congedo obbligatorio per i padri lavoratori dipendenti. Novità e conferme riguarderanno anche il bonus bebè e quello per la frequenza degli asili nido. Si tratta di strumenti di welfare attraverso i quali il legislatore cerca di raggiungere l’obiettivo di rendere sostenibile la conciliazione vita-lavoro dei neo genitori che svolgono attività di lavoro subordinato.

Leggi tutto...