The choise for The Flat Rate Scheme

All you need to know about the flat rate scheme.

Rules, operational procedures and insights into one book.

Italian tax rules explained in English.

 

The choise for The Flat Rate Scheme

Leggi tutto...

E-Book “La scelta per il Regime Forfettario”

Questo pratico e-book vi sarà indispensabile per affrontare con consapevolezza la scelta per il regime fiscale da adottare.

La scelta per il Regime Forfettario

 

Leggi tutto...

E-Book Appunti di Tecnica Commerciale per Acconciatori ed Estetisti

Il libro offre importanti strumenti per la comprensione e lo studio di elementi di tecnica commerciale, con un focus particolare alle attività di acconciatore ed estetista.

Si pone come obiettivo quello di essere un valido supporto per la preparazione all’esame di abilitazione professionale.

Appunti di Tecnica Commerciale per Acconciatori ed Estetisti

Foto Libro

Leggi tutto...

Datore di lavoro Forfettario

Con un approfondimento dell’11 febbraio 2019, la Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro affronta il tema dell’assunzione di lavoratori dipendenti da parte di un’azienda che opera nel regime forfettario.
La nuova disciplina di questo regime fiscale prevede che i contribuenti persone fisiche, esercenti attività d’impresa, arti o professioni, a partire dal 1° gennaio 2019, possono accedere al regime forfettario se nell’anno precedente hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a 65.000 euro.
Il legislatore ha dunque abolito tutti i requisiti che rappresentavano un ulteriore motivo di esclusione dal regime agevolato, ivi incluso l’aver sostenuto spese per un ammontare superiore complessivamente a 5...
Leggi tutto...

Rottamazione-ter per chi ha saltato la rata del 07 dicembre

Cona la conversione in legge del decreto legge sulle semplificazioni, viene concessa la rottamazione-ter anche ai soggetti che hanno saltato la rata del 7 dicembre. In questo caso, la dilazione terminerà il 2021 invece che il 2023. Ci sarà l’allineamento della rateazione della definizione delle risorse Ue a quella ordinaria, con previsione dunque di 18 rate, in luogo di 10, e il periodo di dilazione per le persone fisiche confluite nella rottamazione-ter dal saldo e stralcio, sarà ridotto a quattro anni.

La novità più attesa riguarda i debitori che avevano carichi inclusi nella rottamazione bis e non sono riusciti a versare entro lo scorso 7 dicembre le rate in scadenza a luglio, settembre e ottobre 2018...

Leggi tutto...

Saldo e stralcio per i contributi

La definizione, prevista a favore delle persone fisiche che versano in una situazione di grave e comprovata difficoltà economica, relativa ai carichi affidati all’agente della riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017, è estesa anche ai debiti che derivano dall’omesso versamento di contributi dovuti dai soggetti iscritti alle casse previdenziali ovvero alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS. Il chiarimento è stato fornito nel corso del question time in risposta all’interrogazione n. 501344 .

Leggi tutto...

Fattura Elettronica per gli Enti del Terzo Settore

Per le associazioni e le società sportive dilettantistiche e, in generale, gli enti che esercitano l’opzione ex legge n. 398/1991, vi è l’obbligo di fattura elettronica solo in caso di proventi superiori a 65.000 euro. In questa ipotesi, la fattura deve essere emessa per loro conto dal cessionario o committente, secondo la modalità di fatturazione c.d. self-billing. La fatturazione con la metodologia del self-billing non è equiparabile all’emissione di un’autofattura, ma va intesa come una normale fattura elettronica, che transita attraverso il Sistema di Interscambio.

Il decreto legislativo sulla fatturazione elettronica (D.Lgs. n. 127/2015) è stato modificato dal D.L. n. 119/2018; viene previsto l’esonero e la modalità di fatturazione self-billing per gli enti che hanno ...
Leggi tutto...

Decreto semplificazioni, rottamazione e saldo e stralcio

Il contribuente che – avendo aderito alla rottamazione 2018 ed essendo inadempiente con le prime rate – non ha versato il dovuto entro il 7 dicembre 2018, ha un’altra chance per non perdere i benefici della definizione agevolata. Per cogliere questa nuova occasione dovrà versare il dovuto in un’unica soluzione entro il 31 luglio 2019 oppure in un massimo di 10 rate consecutive. È quanto prevede un emendamento approvato al decreto Semplificazioni 2019, che interviene anche con alcune modifiche sul saldo e stralcio per i contribuenti in difficoltà.

È stata prevista la possibilità – per i debitori che hanno aderito alla rottamazione bis e che hanno effettuato, pena l’impossibilità di accedervi, entro il 7 dicembre 2018, il pagamento delle rate dovute ai fini di tale definizione, ...
Leggi tutto...