Gestione Separata

Il c.d. “Decreto Milleproroghe” (D.L. n. 192/2014, convertito nella L. n. 11/2015) ha sottratto temporaneamente i professionisti iscritti alla Gestione separata INPS alla tabella di marcia prevista dalla Riforma Fornero (art. 2, co. 57, L. n. 92/2012).

Per quest’anno, infatti, si doveva pagare il 30,72% dato che la Legge di Stabilità 2015 (L. n. 190/2014) nulla aveva stabilito in merito al blocco dei contributi.

Ora, il suddetto Decreto cambia nuovamente le carte in tavola. Infatti, l’art. 10-bis del D.L. n. 192/2014 stabilisce che:

Per i lavoratori autonomi, titolari di posizione fiscale ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, che non risultino iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria né pensionati, l’aliquota contributiva, di cui all’articolo 1, comma 79, della legge 24 dicembre 2007, n. 247, e successive modificazioni, è del 27 % per gli anni 2014 e 2015, del 28% per l’anno 2016 e del 29% per l’anno 2017”.

…..per approfondimenti consultare la pagina “utility”