Invio Modello Unico

Mancano pochi giorni per la presentazione telematica delle dichiarazioni annuali relative imposte dirette, IVA e Irap per l’anno d’imposta 2012 e per le eventuali dichiarazioni integrative.
E’ possibile “sanare” qualche errore commesso in fase di predisposizione delle dichiarazioni, presentando “l’integrazione” del Modello precedentemente inviato, facendo attenzione a distinguere il tipo di dichiarazione, correttiva o integrativa, che sia a “favore” o “sfavore” del contribuente e di che tipo di errore si tratti, “formale” o “sostanziale“.
La differenza tra le due tipologie di errore è data dalla incidenza o meno sulla determinazione della base imponibile, per cui avremo un errore di tipo sostanziale se ciò ha causato una rideterminazione dell’imposta, sarà di tipo formale se riguarda l’errata indicazione di dati relativi al contribuente.
L’errore sarà, inoltre, differenziato a seconda che comporti un maggio debito o minor credito, parleremo di “sfavore” oppure se ne deriverà un minor debito o maggior credito, lo chiameremo a “favore”.
Queste distinzioni sono basilari per individuare il termine entro cui è possibile inviare una dichiarazione integrativa.
In base all’art. 2, comma 8 del Dpr 322/98, è possibile correggere gli errori a sfavore, oppure quelli di tipo formale, entro il termine di accertamento, ossia entro il quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione.
In base al comma 8-bis dello stesso articolo, gli errori a favore del contribuente possono essere sanati entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’annualità successiva.
Alla base delle dichiarazioni integrative, vi è l’obbligo, da parte del contribuente, aver validamente inoltrato la precedente dichiarazione e che, pertanto, non risulti omessa.