Nuovi registratori di cassa dal 01 gennaio 2017

La trasmissione telematica dei corrispettivi dal 1 gennaio 2017 diventerà obbligatoria per chi commercia attraverso i distributori automatici, mentre sarà facoltativa per i commercianti al dettaglio di cui all’art. 22 del DPR 633/72.

Per i distributori automatici le regole sono già state fissate con Provvedimento del 30 giugno 2016 n. 102807 .

Per i commercianti al dettaglio di cui all’art. 22 del Dpr 633/72, per i quali la trasmissione dei corrispettivi dal 1 gennaio 2017 è su opzione,  il provvedimento è stato pubblicato sul sito Tris e dovrebbe essere operativo allo scadere dei 3 mesi dalla pubblicazione sul sito che vale come notifica alla Commissione Europea.

Il sito TRIS è un sistema utilizzato dagli Stati membri per le comunicazioni reciproche e con la Commissione riguardanti progetti di norme tecniche, relativi a prodotti e servizi della società dell’informazione, prima della loro adozione, per prevenire la creazione di barriere ingiustificate tra gli Stati membri.

Se non ci sono pareri contrari della Commissione il Provvedimento scaduti tre mesi dalla notifica puo’ essere adottato ed esplicare i suoi effetti.

Il Provvedimento direttoriale del 18 luglio 2016 contiene le norme tecniche dei  Registratori di cassa per la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri  da parte commercianti al dettaglio (art.22 Dpr 633/72)  nonché delle modalità di esercizio della relativa opzione e delle “Specifiche tecniche per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri”.

Per chi vorra’, dal 1 gennaio 2017, avvalersi della possibilità di trasmettere telematicamente i corrispettivi, l’adozione di questi nuovi registratori di cassa sarà obbligatoria e andranno anche a sostituire quelli già adottati dalla Grande Distribuzione, che dal 1 gennaio dovranno rispettare i nuovi requisiti tecnici.

Chi si avvarrà della trasmissione telematica dei corrispettivi potrà beneficiare dei seguenti vantaggi:

  • No allo spesometro
  • No alle comunicazioni delle operazioni black list
  • No agli elenchi Intrastat
  • Corsia accellerata in caso di richiesta rimborso Iva
  • Termini di accertamento ridotti di un anno ma a condizione che tutti i pagamenti siano tracciabili