Registro Operatori in Valute Virtuali OAM

A partire dal 16 maggio 2022 sarà attivo il Registro OAM degli operatori in valute virtuali, destinato ai prestatori di servizi relativi all’utilizzo di valute virtuale e ai prestatori i servizi di portafoglio digitale.

Per l’iscrizione al Registro è necessario avere:

  • (per i soggetti diversi dalle persone fisiche) sede legale e amministrativa in Italia o, per i soggetti comunitari, stabile organizzazione nel territorio italiano;
  • (per le persone fisiche cittadinanza italiana o di uno Stato UE o di Stato diverso) domicilio nel territorio italiano.

Per la registrazione sarà necessario collegarsi al sito internet ww.organismo-am.it, al completamento della procedura si riceveranno delle credenziali di accesso per la gestione dei servizi messi a disposizione.

Nella registrazione devono essere indicati: i propri dati anagrafici (della società, in caso di persone giuridiche, inclusi dati anagrafici del legale rappresentante), identificativo fiscale, estremi documento di identificazione, un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), la tipologia di attività e servizi prestati, le modalità di svolgimento del servizio (punti fisici, ATM, indirizzi web). Alla comunicazione va allegata copia del documento di identificazione del soggetto che la effettua e, nel caso di soggetto diverso da persona fisica, del legale rappresentante nonché la visura camerale aggiornata. Andrà inviata anche la documentazione dell’avvenuto pagamento del contributo una tantum (500 euro per le persone fisiche e 8.300 per le società).

L’OAM ha 15 giorni di tempo, dal momento della ricezione, per verificare regolarità e completezza della comunicazione e della documentazione allegata: può sospendere il termine una sola volta, e per un massimo di 10 giorni, se ritiene la comunicazione incompleta o reputa necessaria un’integrazione della documentazione. Decorsi i termini previsti, se la documentazione richiesta risultasse non pervenuta o insufficiente, nega l’iscrizione nella Sezione speciale del Registro, dandone tempestiva e motivata comunicazione all’interessato che può comunque presentare una successiva richiesta di iscrizione.

Gli operatori iscritti devono trasmettere all’OAM, per via telematica, i dati relativi alle operazioni effettuate sul territorio italiano. La trasmissione deve essere effettuata con cadenza trimestrale. In particolare, dovranno essere trasmessi, per singolo cliente, i relativi dati identificativi e dati sintetici sull’operatività complessiva in Italia.

Nella Sezione speciale del Registro curata dall’OAM accessibile al pubblico saranno annotati:

  • cognome e nome del prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale o di portafoglio digitale se persona fisica o denominazione sociale e sede legale o sede della stabile organizzazione nel territorio italiana in caso di soggetto diverso da persona fisica;
  • codice fiscale o partita IVA, ove assegnato;
  • indicazione della tipologia di servizio prestato;
  • indirizzo dei punti fisici di operatività, compresi gli eventuali sportelli automatici (ATM), e/o l’indirizzo web tramite il quale il servizio è svolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.